File:Apparecchio fotografico a sviluppo rapido, a soffietto, a controllo manuale - Museo scienza tecnologia Milano 13040.jpg

From Wikimedia Commons, the free media repository
Jump to navigation Jump to search
Original file(1,280 × 853 pixels, file size: 411 KB, MIME type: image/jpeg)
Author
Polaroid Corporation (costruttore), Zeiss Ikon (costruttore)
Title
apparecchio fotografico a sviluppo rapido, a soffietto, a controllo manuale - Polaroid Automatic Land Camera 320.
Description
Italiano: Apparecchio fotografico a sviluppo orizzontale, di forma parallelelepipeda in metallo e materiale plastico grigio Alle estremità è fissata una tracolla in materiale sintetico per il trasporto Nella parte superiore, al centro, è fissato un mirino costituito da due parti: una per l'inquadratura (mirino) e l'altra per la messa fuoco (telemetro). In questo dispositivo è inserito un esposimetro automatico La parete frontale, incernierata nella parte inferiore, è apribile Premendo al centro, nella parte superiore, la parete frontale si apre ed è visibile il portaobiettivi con l'obiettivo e il soffietto ripiegato all'interno dell'apparecchio Agendo su un dispositivo di sblocco posto sul porta obiettivo è possibile estrarre il soffietto in tessuto e pelle grigia Il soffietto è mantenuto in posizione da due coppie di tiranti in metallo Agendo su una leva posta vicino ai tiranti si può variare la distanza di ripresa, variando la lunghezza del soffietto ovvero la distanza obiettivo-negativo, per modalità di ripresa predefinite: ritratto, gruppo, paesaggio Sul porta obiettivo sono inseriti, oltre che l'obiettivo a due lenti (duplet), quasi tutti i dispositivi d'uso Superiormente si trova un selettore a slitta per il tipo di pellicola (75 per il colore, 3000 per il bianco e nero) Lateralmente, a destra, si trova la leva di carica dell'otturatore, a sinistra, il foro per l'inserzione di un flash esterno Ruotando la ghiera posta sull'obiettivo si può regolare con continuità la luminosità (da più chiaro a più scuro) Sul dorso dell'apparecchio, superiormente è inserito il pulsante di scatto dell'otturatore La parete posteriore dell'apparecchio è incernierata sul lato sinistro e apribile Sbloccato il fermo metallico posto inferiormente l'apparecchio si apre per il cambio del caricatore contenente le pellicole con l'apposito spargi-reagente A sportello aperto sono visibili l'interno del soffietto e l'obiettivo All'interno dello sportello frontale è inserita una placca metallica estraibile contenente le istruzioni per l'uso dell'apparecchio con la Busta Speciale Polaroid N° 195X, in sei lingue.
Funzione

Apparecchio fotografico a sviluppo rapido per usi professionali Di semplice impiego produce, in un minuto o alcuni secondi, stampe positive stabili a colori o in bianco e nero. Questo apparecchio fotografico nasce per essere usato con pellicole Polaroid packfilm della serie 100 per formati 7,3×9,5cm (8 immagini per ogni packfilm). Non si ha il negativo Quando questo tipo di pellicole non è stato più disponibile, si potevano usare le pellicole 664 (100 ISO in b/n), 665 (80 ISO in b/n - negativo), 667 (3000 ISO in b/n), 669 (80 ISO a colori), 690 (100 ISO a colori) Le fotografie risultanti erano di dimensioni 8,5 x 10,8 cm, ma la parte impressa di 7,3 x 9,5 cm.

Modalità d'uso

I passi da compiere per la ripresa di un'immagine sono indicati da numeri consecutivi indicati sui dispositivi Innanzi tutto si prepara l'apparecchio per l'uso: si apre lo sportello e si estrae il soffietto Si seleziona la pellicola (colore/bianco e nero) con l'apposito dispositivo a slitta, si seleziona la luminosità con l'apposito anello (chiaro/scuro), si seleziona la distanza di ripresa (messa fuoco) con l'apposita leva guardando attraverso la finestrella del telemetro. Si sposta l'occhio sulla finestrella del mirino per la corretta inquadratura (per evitare l'errore di parallasse) Si abbassa la leva di carica dell'otturatore e si scatta Per sviluppare la pellicola:estrarre la linguetta bianca, compare la linguetta gialla. Estrarre anche la linguetta gialla lentamente e con continuità: ha inizio lo sviluppo. Attendere i tempi indicati sul filmpack e separare la foto dalla linguetta. Buttare la linguetta in un portarifiuti In caso di riprese a colori a temperature di 18 °C o inferiori è necessario utilizzare le Buste Speciali Polaroid N° 195X Prima dell'uso scaldare la Busta Speciale in una tasca interna della giacca per circa 5 minuti Posizionare l'anello della luminosità su una posizione più chiara rispetto a quanto indicato sul filmpack Scattare la fotografia Dopo aver estratto la linguetta gialla introdurre la pellicola nella Busta Speciale lasciando sporgere la linguetta all'esterno. Sviluppare la fotografia per 60m secondi tenendo la Busta Speciale tra il corpo e il braccio.

Notizie storico-critiche
Il supporto iniziale delle pellicole Polaroid a sviluppo istantaneo venne brevettato e registrato nel 1929 (Brevetto 1918848) dalla Polaroid Corporation e sviluppato successivamente nel 1932 da Edwin H. Land La prima fotocamera a sviluppo istantaneo risale al 1947, anno in cui Edwin Land presentò la Polaroid Instant Camera all'Optical Society of America Fino al 1963 erano possibili solo stampe in b/n, da quella data divennero disponibili anche stampe istantanee (circa 60 secondi) a colori Se le prime fotocamere istantanee erano pesanti e ingombranti, solo per immagini in b/n e con problemi di stabilità nel tempo, ben presto divennero più leggere, più semplici da usare e con minori problemi di stabilità e di inquinamento (le prime fotocamere istantanee producevano un negativo da buttare al momento poi si introdusse l'uso di caricatori contenenti più pellicole) Nel 1972 la Polaroid introdusse sul mercato la prima reflex monoculare a sviluppo rapido con batteria incorporata nel caricatore Dal 1985 anche la Kodak cominciò a produrre apparecchi a sviluppo istantaneo e gli affari della Polaroid iniziarono ad andare male. La polaroid fece causa alla Kodak, vincendo. La Kodak dovette ritirare dal mercato i suoi apparecchi a sviluppo rapido Dal febbraio 2008 le pellicole Polaroid a sviluppo istantaneo non vengono più prodotte. Oggi le fotocamere a sviluppo istantaneo Polaroid sono state sotituite dalle nuove Zink che contengono una piccolissima stampante a colori che opera su una carta fotografica particolare, fatta di pigmenti critallini che si colorano grazie a un processo termico In tutti i modelli Automatic Land Camera, prodotti dal 1963 al 1977 con i modelli da Automatic Land Camera 100 a Automatic Land Camera 450, sono presenti caratteristiche comuni:soffietto pieghevole, esposizione automatica con fotometro esterno "Electric Eye", pellicole Polaroid packfilm serie 100. Tutti gli apparecchi produocno stampe 7,3 x 9,5 cm Per quanto rguarda invece la qualità degli apparecchi, a seconda del modello può essere molto differente: si passa da lenti in plastica a tripletti in vetro, da mirino rigido a mirino accoppiato Zeiss Ikon, ecc I modelli più costosi producono immagini di ottima qualità Il modello 320 era il modello economico della linea 300 con obiettivo a due lenti Questo apparecchio fotografico era stato acquistato per il "Centro di Fisica Sperimentale" del Museo e veniva utilizzato con la lavagna con rotaia a cuscino d'aria L'idea del Centro di Fisica nacque contestualmente alla nascita del Museo: l'allestimento prevedeva una sezione di Fisica con scopi didattici che contenesse esperimenti in atto, a disposizione permanente del visitatore. Ma la visione di un evento all'interno di una vetrina non era sufficiente: iniziò così la raccolta di strumenti ed accessori moderni per realizzare esperimenti che potessero essere effettuati direttamente dall'utente I corsi di aggiornamento dei professori, inizialmente della durata di sei giorni, divennero ben presto di dieci/quindici giorni e comprendevano: un gruppo di conferenze tenute da professori universitari o esperti qualificati, lezioni sperimentali, esercitazioni individuali o in piccoli gruppi, lezioni a livello secondario tenute dagli stessi partecipanti, proiezioni di materiale sul tema, visite d'istruzione Fin dall'inizio molte scuole cominciarono ad affluire al centro di Fisica con i loro studenti per assistere a lezioni sperimentali Il Centro di Fisica, fiore all'occhiello del Museo, è rimasto in funzione fino al 1984.
Date between 1969 and 1970
date QS:P,+1950-00-00T00:00:00Z/7,P1319,+1969-00-00T00:00:00Z/9,P1326,+1970-00-00T00:00:00Z/9
Medium vetro
Dimensions Height: 15 cm (5.9 in); Width: 195 cm (76.7 in)
dimensions QS:P2048,15U174728;P2049,195U174728
Accession number
13040
Object history Soc. SEI
References
  • Williamson D. () Comprehensive Guide for Camera Collectors, Atglen, USA, pp. 158-160
  • Hedgecoe J. () Fotografare : tecnica e arte, Milan, pp. 222-223
Source/Photographer Catalogo collezioni (in it). Museoscienza.org. Museo nazionale della scienza e della tecnologia Leonardo da Vinci, Milano.
Permission
(Reusing this file)
w:en:Creative Commons

attribution share alike

This file is licensed under the Creative Commons Attribution-Share Alike 4.0 International license.
You are free:
  • to share – to copy, distribute and transmit the work
  • to remix – to adapt the work
Under the following conditions:
  • attribution – You must attribute the work in the manner specified by the author or licensor (but not in any way that suggests that they endorse you or your use of the work).
  • share alike – If you alter, transform, or build upon this work, you may distribute the resulting work only under the same or similar license to this one.

File history

Click on a date/time to view the file as it appeared at that time.

Date/TimeThumbnailDimensionsUserComment
current07:20, 21 May 2016Thumbnail for version as of 07:20, 21 May 20161,280 × 853 (411 KB)Federico Leva (WMIT) (talk | contribs){{ICCD TRC | institution = {{institution:Museoscienza}} | permission = {{cc-by-sa-4.0}} | RSR1 = Brenni, Paolo | NSC = Il supporto iniziale delle pellicole Polaroid a sviluppo istantaneo venne brevettato e registrato nel 1929 (Brevetto 1918848) dall...
  • You cannot overwrite this file.

There are no pages that link to this file.

File usage on other wikis

The following other wikis use this file:

Metadata